Giorgio Gaslini, il maestro del jazz italiano

image_pdfimage_print
Immagine di Giorgio Galsini
Giorgio Galsini

Conosco Giorgio Gaslini da che ho iniziato ad occuparmi di jazz seriamente: qualsiasi libro di storia del jazz degno di questo nome parla di questo grandissimo musicista e compositore italiano ed avevo ascoltato anche qualcosa. Ma distrattamente.

Alla fine di febbraio la meravigliosa trasmissione Birdland della Radio Due della Svizzera di lingua italiana ha trasmesso un ciclo di cinque puntate tutte dedicate al nostro grande autore, in cui Maurizio Franco ce ne propone un ritratto a tutto tondo. Ed è amore a primo ascolto!

Immagine del Cofanetto
Il cofanetto

Di lì a poco recupero quanto riesco della musica di questo incredibile artista: i 4 cd dell’Integrale pubblicati (insieme a tanto altro) dalla Camjazz; e, soprattutto, il bellissimo cofanetto – sempre della Camjazz – con tutti i dischi di Gaslini usciti per la sua etichetta autoprodottaDischi della quercia“.

Ho recuperato anche un libro su Giorgio Gaslini, e cioè il testo omonimo di Adriano Bassi, pubblicato nell’ormai lontano 1986 dalla Franco Muzio Editore.

Gaslini è un artista che ha iniziato a suonare subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, a meno di 20 anni (è del ’29). Un bebopper della prima ora, ha pubblicato il suo primo disco nel 1948! Concerto Riff, ancora oggi ascoltabile nel primo volume dello splendido L’Integrale di cui sopra. Incontra un discreto successo, tanto che riesce a vivere di musica, cosa non semplice allora. Ma non è soddisfatto, e all’apice della fama nazionale lascia tutto e si iscrive al conservatorio, studiando con maestri come il direttore Claudio Abbado, e diplomandosi nella medesima sessione di Luciano Berio Ne uscirà con 5 diplomi.

Inizia così la “vera” carriera musicale di Gaslini, tutta tesa alla ricerca di una musica che sia l’insieme delle sue passioni, della sua vita e delle sue idee. Una musica totale (come poi intitolerà un suo famoso libro, che è anche il suo manifesto artistico, incredibilmente fuori catalogo), dove non ci sia differenza di valore tra musica “euro colta” e jazz.

Il suo primo lavoro, celeberrimo, all’insegna di questa sua filosofia è Tempo e relazione, anch’esso pubblicato nel primo volume dell’Integrale, un disco che, come giustamente scrive Claudio Sessa “appare come la profezia di tanto jazz di ricerca attuale”.

Immagine del Giorgio Gaslini Quartet
Giorgio Gaslini Quartet: con Bedori, Crovetto, Tonani

Con l’inizio degli anni ’60 Gaslini mette in piedi il suo celebre quartetto, quello composto dal fedelissimo sassofonista Gianni Bedori – che suonerà con lui fino alla fine degli anni ’70 – Bruno Crovetto al contrabbasso e Franco Tonani alla batteria. Con questi splendidi musicisti pubblica alcune delle cose più belle della sua discografia.

Dischi come New Feelings (1966), Grido (1968), Il Fiume Furore (1969), Africa (registrato a Milano in studio tra il 10 e il 12 dicembre 1969, data significativa per tutto il paese, ma in particolar modo per un milanese), sono capolavori della musica italiana che oggi, purtroppo, pochissimi conoscono. Il quartetto arriva alla fine degli anni ’60 poi iniziano vari cambi. Entra una nuova ritmica (passeranno per il gruppo di Gaslini i batteristi Gianni Cazzola, Andrea Centazzo; i contrabbassisti Carlo Milano, Bruno Tommaso, Paolo Damiani e Marco Vaggi), arrivano nuovi fiati, come il grande Gianluigi Trovesi, il mai abbastanza rimpianto Massimo Urbani e l’ancor oggi furoreggiante Maurizio Giammarco; l’allora giovane Enrico Rava; suonano questa “nuova” musica anche “vecchio” leoni del jazz italiano, come Dino Piana, Glauco Masetti, Eraldo Volonte, e tanti altri.

Immagine dei musicisti di "New Feeling"
I musicisti di “New Feeling” (tra cui si vedono Don Cherry, Steve Lacy, Gato Barbieri e tutti gli altri)

Ma soprattutto arrivano a suonare con il Maestro alcuni dei maggiori musicisti statunitensi e europei del jazz contemporaneo: da Steve Lacy a Gato Barbieri; da Don Cherry a Rosswell Rudd; da Paul Rutherford a Jean-Luc Ponty; da Tony Oxley a Anthony Braxton.

Eppure trovare i dischi di Gaslini, fino ad oggi, era difficilissimo, se non impossibile. È enorme il merito della Camjazz per il cofanetto ristampato e rimasterizzato di gran parte del catalogo dei Dischi della quercia. Ma rimane da capire come sia possibile che tanta qualità, ri/conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo, abbia avuto – ed ancora abbia, se non presso una nicchia della nicchia – un così basso riscontro.

I motivi sono almeno due. Uno semplice, e perdonatemi il gioco di parole: la musica di Gaslini non è mai semplice. Per apprezzarla bisogna sforzarsi, bisogna provare a capire ed è necessario rompere i vecchi schemi del “jazz classico”. Il risultato sarà impagabile.

Un altro motivo, a mio modesto avviso, lo si può scoprire leggendo i titoli (e l’anno di pubblicazione) di molti dei dischi più belli del maestro:

  • Il Fiume Furore (1969);
  • Fabbrica occupata (1973);
  • Colloquio con Malcolm X (1974);
  • Concerto della Resistenza / Università Statale (1974);
  • Canti di popolo in jazz (1975);
  • Concerto della Libertà. Universo Donna (1975);
  • Murales (1976);
  • Free Actions (1977).

Perché Gaslini non è solo uno dei più grandi autori musicali viventi (e non solo a livello italiano): è anche una persona impegnata, che ha fatto della sua musica, della sua opera, un’azione libera ma incisiva, di denuncia e di ragionamento, di impegno politico e sociale. Ha suonato nelle fabbriche occupate, nei manicomi aperti da Basaglia (su invito dello stesso Basaglia, tra i primi e tra i pochi grandi autori a farlo), nei concerti di solidarietà con le lotte dei paesi del “terzo mondo”. Ha vissuto gli anni ’60 e ’70 dentro le lotte del nostro pese, facendole sue e portando la sua musica come contributo fondamentale alle lotte stesse.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Si potrebbe – si dovrebbe! – scrivere interi libri sulla vita, sulla musica e sulle idee di questo grande artista italiano. Oltre che di musica Gaslini si è occupato anche di cinema, scrivendo tantissime colonne sonore; di teatro (ha lavorato con il Living Theatre, con Giorgio Strehler al Piccolo di Milano, tra gli altri); di danza, di pittura.

E di didattica. Giorgio Gaslini ha tenuto il primo “corso di jazz” italiano, già negli anni ’50; ed ha tenuto il primo “corso di jazz” all’interno di una struttura ufficiale dell’insegnamento musicale italiano classico, al Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, nel 1972, aiutando a crescere una schiera foltissima di giovani musicisti, molti dei quali hanno poi suonato con lui, anche giovanissimi (come il sedicenne Massimo Urbani).

Un artista che ancora recentemente – in un’intervista rilasciata alla webzine Jazzitalia nel 2008 non ha paura di dire le cose in faccia, anche parlando dei colleghi (il grassetto è mio):

Negli Usa ci si è fermati agli anni ’60. Ci sono ancora tanti grandi suonatori, oltreoceano, formati da grandi scuole ma idee nuove non ce ne sono. E’ che non ci sono più quelle tensioni sociali e razziali, quella voglia di nuovo che distinse i decenni successivi alla seconda guerra mondiale. C’era ribellione, fermento, nel bene e nel male. C’era vivacità. Se non c’è spinta sociale questa musica, tanto aperta al mondo, langue. E se non ci sono grandi artisti capaci di trovare dentro di loro motivazioni profondissime, e in questo momento non ci sono, rimane ferma.

Ed ancor di più parlando dei critici (come sopra):

I critici ad esempio, già pigri per loro conto, finiscono per ascoltare pochissimi dischi, quelli delle case che contano. Poi magari vengono chiamati ad esprimere il loro giudizio nei vari referendum. Che sono spesso del tutto inattendibili. Quello di “Musica jazz”, ad esempio, è in mano a giornalisti per lo più sconosciuti e senza titoli particolari. Domina la musica di mercato, non quella d’arte. C’è molta omologazione, molto conformismo, come non c’era mai stato.

Un monumento vivente della musica d’autore italiana, che sa spaziare naturalmente tra jazz, musica classica, e musica “popolare”. E come la gran parte dei preziosi patrimoni del nostro paese, lasciato da parte e conosciuto da pochi, pochissimi fortunati.

(Visited 276 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi