Sun Ra e il suo viaggio intergalattico

image_pdfimage_print
Foto di Sun Ra e la sua Arkestra nel 1980
Sun Ra e la sua Arkestra nel 1980

Ogni tanto capita di essere fortunati. Nel mio caso qualche mese fa leggo la recensione di un libro, la biografia di un musicista jazz americano del secolo scorso. Un musicista che conosco di nome, ma che non ho mai ascoltato. Un tipo interessante, strano, un po’ “di fuori”, come piacciono a me; ma non c’è mai stata l’occasione, e per me nella musica è come coi libri: deve essere “il momento giusto”.

Durante le vacanze di natale arriva “il momento giusto”: di getto decido di comprare quel libro di cui dicevo sopra, ed esattamente:

John F. Szwed, Space is the place. La vita e la musica di Sun Ra, Roma, Minimum Fax

cioè la prima biografia di questo grandissimo musicista e della sua Arkestra e, soprattutto, della sua – della loro – grandissima musica.

Negli stessi giorni esce il numero di dicembre della rivista Musica Jazz, ed anche loro si occupano di Sun Ra:

AA.VV., Sun Ra. Venti e cento anni dopo, Musica Jazz, Dicembre 2013

Insomma, una serie di circostanze, di coincidenze, mi buttano tra le braccia sonore di questo grandissimo personaggio: ed è amore a primo ascolto!

 [youtuber youtube=’https://www.youtube.com/watch?v=TyUjgYuYR0c’]

La discografia di Sun Ra è ENORME: centinaia di dischi tra la metà degli anni ’50 e i primi anni ’90. Enorme di quantità, ma soprattutto di qualità. Il nostro passa dal modale di Jazz in Silhouette (di cui lo splendido brano sopra) al free di The Magic City; inizia ad usare le tastiere elettriche nel ’39, quando nessuno manco sapeva che esistessero. Fonda la prima etichetta discografica autogestita negli anni ’50 – la El Saturn Records – cioè almeno una ventina di anni prima che la cosa diventi fenomeno (giovanile) di massima; la sua Arkestra, già alla fine degli anni ’50, diventa una comune, dove i musicisti vivono insieme, provano, suonano, mangiano.

Sun Ra morirà nel 1993 dopo aver attraversato il secolo sulla sua nave spaziale arrivata da Saturno, pronto a continuare il suo viaggio intergalattico verso la libertà.

Questo aspetto della sua filosofia, da cui il suo nome (Sun = sole in inglese; RA = il dio del sole egiziano), cioè il continuare ad affermare di non essere umano ma un nativo di Saturno è meno folle di quel che può sembrare: nella cultura afroamericana, cioè nella cultura di un popolo che ha passato i primi secoli della sua vita in schiavitù, dopo essere stato deportato in catene dalla sua terra natia – con un tributo di sangue che al confronto la shoa passa in secondo piano – il tema della fuga è sempre stato centrale, ovviamente. In moltissimi testi religiosi afroamericani, già nel XIX secolo, si parla di viaggi verso le stelle, come metafore per parlare, in realtà, della fuga dalla schiavitù. Sun Ra porterà questo tema al massimo delle possibilità filosofiche, religiose, ma anche spettacolari: non si può comprendere l’arte di questo musicista se non si guarda, oltre che si ascolta, la sua musica.

 [youtuber youtube=’http://www.youtube.com/watch?v=NwNtxFH6IjU’]

Sun Ra nel suo percorso ha influenzato generazioni di musicisti, ed ancora oggi molti artisti lo scoprono, lo amano e lo usano. Non perdetevelo, merita.

(Visited 98 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi