Schizzi di bile, gennaio 2010

image_pdfimage_print

A mò di premessa

Inizio una nuova cosa, che vorrei capire se riuscirà ad essere almeno due cose:

1) terapeutica;

2) continua.

Sul secondo aspetto si vedrà: se riuscirò a starci dietro e, soprattutto, se mi darà soddisfazione, allora di ‘sti schizzi di bile ne usciranno parecchi. Purtroppo.

Bile perché non ne posso più. Già non guardo più il telegiornale e praticamente manco la televisione tout court; quel poco che, per caso, mi passa davanti agli occhi mi fa sobbalzare e, appunto, mi fa venire gli attacchi di bile. Ributtiamoli qui, e si vedrà.

Schizzi di bile, gennaio 2010

Primo schizzo, 19 gennaio

Il 18 gennaio sono stati arrestate due persone nell’ambito di un’inchiesta sulle nuove brigate rosse che già a giugno dell’anno scorso aveva portato all’arresto di altre 5 persone.

Da quello che si è letto sui giornali il giorno dopo (e solo quello, perché già due giorni dopo non ha parlato più nessuno….), questi due non avrebbero fatto nulla, non avrebbero avuto nulla di pericoloso in casa (chessò, armi o droga o chissà che …).

MA, e qui si inizia veramente a delirare oltremodo, usavano tecnologie informatiche per non farsi controllare mentre navigavano e mentre usavano strumenti di comunicazione informatica.

Cioè, tutelare la propria privacy, ormai, sta diventando un reato. O se non proprio un reato, qualcosa per cui diventare sospettati di… cosa?!?!

Sotto un po’ di link a caso sulla questine…

http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/in-edicola/numero/20100120/pagina/06/pezzo/269423/

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/01/18/news/nuove_br-1990036/

http://www.carmillaonline.com/archives/2008/09/002788.html

Secondo schizzo

Il filmone di Christian De Sica Natale a Miami, o come cavolo si chiama, ha ottenuto il patentino di film d’assai dal Ministro della Cultura – nonché esimio poeta – Bondi. Questo significa che quel capolavoro, giustamente, otterà finanziamenti dallo stato e così pure i cinema che lo trasmetteranno.

Mica cazzi!

Terzo schizzo, 27 gennaio

Giorno della memoria. Figata!, peccato che in realtà sia il giorno della memoria di qualcosa, ma ben attenti a dimenticare tanto altro:

zingari, omosessuali, slavi, nativi americani, armeni, hutu e tustsi, etc etc etc…

W LA MEMORIA!!!!

Quarto schizzo, 28 gennaio

Oggi hanno annunciato in pompissima magnissima il nuovo strafico oggetto della Apple… UAU!

Che cos’è? Beh, ovviamente una roba che non s’è mai vista: è un tablet pc (naaaa!!), touchscreen (incredibbbileeeee!!!) al cui interno staranno tutti i programmi che già stanno dentro l’iPhone. Quindi è un iPhone più grosso, ma anche un iBook più piccino: non ci posso credere!!!!!

Dopo essermi ripreso dalla sgomento, vado a vedere le specifiche di questo gioiello della tecnologia (e anche della futurologia), e cosa si scopre? Si scopre che il magnifico oggetto permette di portarci solo la roba che si piglia da iTunes – quindi DRM a votamazza!; che grazie alla meravigliosa tecnologia (…) TPM Apple può fare quello che vuole col TUO device (tuo nel senso che lo paghi, ma poi ci fai quello che dice mamma apple…); che, insomma, al suo confronto il kindle è un coso opensource e libertario!

Sicché, di fronte alla gioia e al gaudio di tutti i passionisti di tecnologie, ma soprattutto di fronte alle SEGHE che già si stanno facendo le multinazionali dell’intrattenimento, il mio solo pensiero non può che essere:

morte al pannolone!!!!

Ultimo schizzo di gennaio

Oggi, come giustamente si dice in Toscana, finisco 40 anni, e quindi finisco così questo primo schizzo di bile. Saluto gli enta senza troppi rimpianti, che alla fine sono stati anni belli, finiti in maniera sicuramente contraddittoria: la meraviglia di un figlio, l’abbacinamento di una situazione politica e sociale da non poterci credere.

Ma alla fine, in maniera assolutamente folle e senza fondamento, continuo ad essere ottimista, e da questa – si spera – lunga stagione degli anta m’aspetto almeno quanto mi hanno dato gli enta. Se non di più!

Yehhhhhhhh!!! 🙂

(Visited 21 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi