Per la libertà di Alfonso Sastre. Per la libertà in Europa

image_pdfimage_print

di Valerio Evangelisti, via Carmilla on line ®.

AlfonsoSastre2.jpg

Un atto di inaudito autoritarismo si è compiuto in Spagna. Dopo avere posto fuorilegge numerosi partiti baschi ritenuti copertura di Batasuna il raggruppamento considerato braccio politico dell’ETA, posto nell’illegalità nel 2003, il Tribunale Supremo spagnolo ha il 16 maggio messo al bando, ed escluso delle imminenti elezioni europee, la lista Iniciativa Internacionalista – La Solidaridad entre los Pueblos.

In questo caso non si trattava di un partito basco, bensì di una coalizione di piccoli gruppi asturiani, catalani, cantabrici, aragonesi ecc., e naturalmente baschi rappresentanti le regioni della Spagna che tendono all’autonomia e, in qualche caso, all’indipendenza. Nell’ambito, comunque, di un’Europa-nazione dai confini più ampi dello Stato spagnolo, e in un quadro programmatico esplicitamente anticapitalista.

In pratica non esistevano prove che collegassero Iniciativa Internacionalista a Batasuna, e meno che mai all’ETA. L’unico legame era la presenza, in testa alla lista, di Alfonso Sastre, uno dei maggiori drammaturghi spagnoli, se non il più grande in assoluto. Fervido antifascista, autore di battaglie epiche, sotto il franchismo, per fare rappresentare i suoi drammi, tra gli animatori della rinascita culturale della Spagna. Ma cosa lega Sastre – oggi trattato dall’intellettualità spagnola come un appestato, e dai media ancora peggio – all’ETA e a Batasuna?

Anzitutto il fatto di abitare, lui madrileno, nei Paesi Baschi, e di avere finito per simpatizzare con le istanze di quel popolo. Poi l’avere per moglie Eva Forest, anche lei scrittrice, implicata marginalmente, alla fine degli anni Settanta, in un attentato dell’ETA e incarcerata per tre anni anche Sastre rimase in prigione alcuni mesi. Infine, l’avere accettato di candidarsi, nel 2008, per il partito ANV Acción Nacionalista Vasca, una formazione esistente fin dal 1930, indipendentista di sinistra. Messa fuorilegge, più di settant’anni dopo la fondazione, quale improbabile “paravento” di Batasuna.

L’ultraottantenne scrittore, di cui nessuno saprebbe indicare con prove alla mano i vincoli con l’ETA, diventa così oggetto di odio e di aggressione mediatica specie da parte di colleghi come Fernando Savater, e costretto al silenzio. La lista che lo aveva candidato è cancellata. Le opere di Sastre si pubblicano all’estero ma non in Spagna. Il drammaturgo si ritrova a vivere nella stessa condizione patita durante il franchismo, questa volta sotto il socialista Zapatero, ritenuto esempio di buongoverno da tanta parte della sinistra italiana.

Sono molte le virtù della Spagna odierna, ma una fa difetto alla sua classe politica: l’acume (cosa di recente rimarcata da Sarkozy in Zapatero, in una gaffe degna di Berlusconi). L’Inghilterra del non brillante Blair ha capito che, per discutere con l’IRA il suo disarmo, bisognava lasciare al movimento repubblicano irlandese un’espressione politica (il Sinn Fein). La Spagna non lo ha compreso, e un mese sì e un mese no mette fuorilegge qualche partito basco “scomodo”. Ha persino ignorato una proposta di conciliazione, rivolta ai compagni, proveniente dai militanti dell’ETA rinchiusi nelle prigioni. Così facendo tiene premuto il coperchio sulla pentola in cui l’acqua bolle. L’esito è prevedibile.

Sastre-LaDeriva.jpgPer chi guardi da fuori, l’imperativo è di non seguire l’esempio. E di cercare di liberare Alfonso Sastre dall’isolamento cui uno sciame di cavallette colleghi scrittori, politicanti, giornalisti, poliziotti, giudici, commentatori televisivi ecc. lo vorrebbe costringere. La sua opera appartiene al mondo, e il mondo lo deve sottrarre alla sua prigione. Senza sbarre, ma pur sempre prigione.

PS. Per conoscere Alfonso Sastre e la sua intelligenza, il pubblico italiano ha a disposizione un solo libro, smilzo ma prezioso: La deriva degli intellettuali, Datanews, 2005, pp. 70, € 9,00.

Pubblicato Maggio 18, 2009

Aggiornamento: una buona notizia

di Valerio Evangelisti, Pubblicato il 23 Maggio 2009

AlfonsoSastre.jpgUna notizia estremamente positiva giunge dalla Spagna. Il Tribunale Costituzionale ha smentito il Tribunale Supremo, e autorizzato all’ultimo minuto il partito Iniciativa Internacionalista – La Solidariedad entre los Pueblos a partecipare alle elezioni europee (vedi qui la nostra denuncia). Ha constatato ciò che era ovvio: non esistono elementi che provino che Iniciativa Internacionalista (coalizione di raggruppamenti regionali dell’intera Spagna) fosse in qualche modo vincolata a Batasuna, partito fuorilegge.
Del resto, nessuno dei candidati di I.I. era basco o vincolato all’ETA. L’accusa, sostenuta con veemenza dal ministero spagnolo degli interni e da intellettuali, come Fernando Savater, che hanno abdicato al loro ruolo per farsi cani rabbiosi, si basava sulla sola candidatura di Alfonso Sastre: il maggiore drammaturgo di lingua ispanica, madrileno ma residente nei Paesi Baschi, vagamente implicato in attività dell’ETA negli anni Settanta (soprattutto per via della moglie, la scrittrice Eva Forest, messa in carcere per tre anni dal franchismo morente).
Tutto è bene ciò che finisce bene. Sta di fatto che la Spagna dovrebbe concedere un’espressione politica al nazionalismo basco, se vuole avere un interlocutore con cui dialogare per comporre il conflitto.

Qua, per chi conosce lo spagnolo, un riassunto del caso.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi